Crisi e umanesimo


L’umanesimo – nella sua essenza, nella centralità assegnata all’individuo e ai valori universali dell’uomo – è indubbiamente in crisi nella radicale trasformazione di ogni cosa, e dell’individuo stesso.
La perdita di valori non è una questione solo intellettuale, ma implica sempre gravi conseguenze politiche ed economiche e oggi lo vediamo più che mai. Già duemila anni fa Longino, nel suo trattato Del Sublime, aveva capito che una crisi finanziaria è sempre anche una crisi morale, in cui non si sa più cos’è la grandezza umana e si vive in una cultura kitsch. L’umanesimo si fonda sulle cose che danno vita alla vita – amore, amicizia, giustizia, verità. Una vita piena di senso è quella capace di creare verità, giustizia e bellezza. Sono temi non certo nuovi. Michelstaedter aveva già detto che non conta ciò che si ha, ma ciò che si è.
L’umanesimo non è una torre d’avorio per intellettuali che leggono Platone, bensì il riconoscimento di valori eternamente umani che dicono ciò che dovremmo essere, che insegnano ad acquistare dignità e a respingere fanatismo e oscurantismo. Non si tratta di negare la tragedia e la morte immanenti in ogni vita, ma di celebrare nonostante tutto la vita. Economia, tecnologia politica non possano da sole dare senso all’esistenza, come molti invece sembrano credere.
Una democrazia si basa sulla libertà, libertà che implica l’impegno a liberarsi da violenze, arroganze, pregiudizi, angustie mentali, paure, odi. Ma se non si crede più a valori universali che trascendono il tempo, anziché un libero popolo si ha una massa che teme la libertà. Al posto dei valori subentrano passioni irrazionali e aggressivi risentimenti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Frammenti e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Crisi e umanesimo

  1. Romana ha detto:

    Proprio così. Si vive seguendo modelli imposti dall’esterno, da chi se ne può inventare uno al giorno, non ci si chiede se ha senso, non lo ha, è bello, brutto, piacevole o no…………lo fanno gli altri, allora si fa. E’ una perdita di personalità, uno spogliarsi di sè stessi che facilita anche la deresponsabilizzazione, Allora, coltiviamo prima la nostra coscienza secondo quei temi universali che si chiamano rispetto e buon senso, chiediamoci se è più importante essere come vogliono gli altri o come pensiamo noi, e, a parte qualche compromesso per stare in compagnia a bere un bicchiere, quando ci si ritrova davanti allo specchio, di fronte a se stessi, forse non sarà così difficile guardarsi negli occhi.
    stia bene
    Romana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...